Millstone 2004/2015 Rye Whisky (OB, 2015, 50%)

Naso: rye, ovviamente. Frutta rossa, ciliegia soprattutto, leggermente aspra. Cacao amaro, caffè espresso.

Gusto: spezie, pepe nero. Cannella, polish del legno. Ciliegia, come al naso, non smaccatamente dolce. Le spezie si complicano dopo un attimo. Cacao amaro, caffè in grani, fave di cacao. Rye verso il finale.

Finale: spezie, ciliegia amara, cacao amaro, cioccolato fondente.

Commento: che dire. Qui siamo su territori estremi, nel senso che mai mi sarei aspettato di poter assaggiare questo prodotto. Ringrazio WhiskyItaly per il sample. Detto ciò, buono! Mai troppo dolce, mai troppo secco, amabile in ogni suo aspetto. Va bene così.

Valutazione: 85

Annunci

Oban Little Bay + Serata Diageo 1930 “Taste Back”

grafica AbbinamentiMartedì 5 Aprile 2016 sono stato invitato da Diageo Italia ad una serata di abbinamento cocktail/cibo molto ma molto interessante. Detto così sembra poca roba, ma sono uscito stupito dalla serata. Non sono mai stato un amante dei cocktails, mi sono sempre sembrati un “pasticcio”, forse perchè ho bevuto raramente prodotti di un certo livello, come quelli che Marco Russo del 1930 ci ha consegnato per apprezzare. Di seguito le foto ufficiali: vi lascio anche le mie brevi note per il nuovo prodotto di Oban, il NAS Little Bay degustato “liscio” ad inizio serata.

Ringrazio Diageo, nella persona di Franco Gasparri, e Marco Russo, a capo di un team veramente notevole per passione e dedizione all’arte della mixology. Nota personali, buono soprattutto il Lagavulin in abbinamento a sciroppo di bourbon, bitter alle fave di cacao e nero di seppia, davvero notevole.

Altra nota personale, il locale. Un classico speak-easy degli anni ’30, quindi arredamento ricercatissimo, un’ampia selezione di distillati e una carta dei refreshments davvero completa. Bravi tutti insomma, portato a casa l’antico vaso…

Oban Little Bay (OB, 2016, 43%)

Naso: frutta gialla, mela e pera, casalinga. Pepe bianco, zafferano e cardamomo. Spezie di un certo livello. Anche un po’ di malto.

Gusto: rotondo, spezie, pepe bianco e pepe verde, poi frutta gialla disidratata, albicocche, insieme a frutta casalinga. Spezie in evoluzione. Anche qui sensazioni di malto e vaniglia.

Finale: non molto lungo, spezie, frutta gialla, vaniglia.

Commento: un buon NAS, questo sicuro. Manca forse di quel guizzo di personalità che però solo pochi hanno a questa giovane età. Un punto in più rispetto al classico 14 per un palato davvero buono.

Valutazione: 85

1930_tasteback_diageo_cocktail con Glen Elgin 12yo 1930_tasteback_diageo_cocktail con Lagavulin 16yo 1930_tasteback_diageo_cocktail con Oban Little Bay 1930_tasteback_diageo_cocktail con Talisker Skye

Macallan del passato

Macallan 7 Giovinetti Import (OB, 2000′ , 40%)

macob.07yov2Naso: fragola, ciliegia, frutta rossa generica, funghi secchi poco accennati. Pepe bianco ed altre spezie ben misurate.

Gusto: imbocco fresco, poi spezie, pepe bianco e cannella. Poca frutta rossa, ciliegia ed amarena. Burro. Cacao amaro.

Finale: cacao amaro, cioccolato fondente, spezie, pepe nero. Lungo ed intenso.

Commento: nei 2000 bevevano bene. Questo Macallan è buono, non eccezionale ma buono. Il finale è da ricordare, mentre al palato non esibisce troppe cose. Meglio del Fine Oak attuale, sicuramente.

Valutazione: 86

 

 

Macallan 7 Maxxium Import (OB, 2000′, 40%)

macob.07yov1Naso: più funghi rispetto al Giovinetti e meno frutta rossa. Sempre pepe bianco. Cacao non zuccherato. Brodo di carne, pelle.

Gusto: coerente con il naso, quindi funghi e brodo di carne. Pochissima frutta rossa, amarena e susina. Rotondo e masticabile. Cacao non zuccherato.

Finale: anche questo lungo ed intenso, cacao amaro, funghi, pepe nero.

Commento: più centrato sui funghi e sul brodo di carne, a tratti ricorda Mortlach. Anche qui bevevano bene nei 2000′, un punticino meno perchè manca di frutta rossa.

Valutazione: 85

In un momento di delirio ho unito i due whisky di cui sopra in un blended (o meglio vatted? Correggetemi se sbaglio) e ho provato ad analizzarlo.

Naso: funghi cotti, brodo di carne, frutta rossa, ciliegia. Pepe bianco e verde. Zafferano, risotto giallo.

Gusto: imbocco fresco, poi zafferano, frutta rossa, pepe bianco. Intenso e masticabile.

Finale: lungo ed intenso, pepe nero, frutta rossa, zafferano, brodo di carne.

Commento: non male davvero! Guadagna qualcosa in punteggio, ben amalgamato, racchiude il meglio dei due prodotti appena analizzati. Si sente di più il Maxxium, più carnoso e speziato, mentre la frutta rossa si ravvisa al palato, ben distinta dal resto. Finale oltremodo lungo. Bravo me!

Valutazione: 88

Flora&Fauna a confronto – Parte Due

Mannochmore 12 Flora&Fauna (OB, 2006, 43%)

Mannochmore 12 Flora&Fauna (OB, 2006, 43%)Naso: malto, biscotti ai cereali perlomeno all’inizio. Poi una bella enfasi sulla frutta, gialla e tropicale: banana, ananas, mela, pera. Vaniglia e cioccolato al latte. Odore di incenso, di fiori dopo qualche tempo. Anche una leggera menta insieme alla fragola.

Gusto: coerente con il naso, imbocco semplice e fresco, poi partono le spezie. Pepe nero e paprika sulla punta della lingua, vaniglia, frutta gialla e tropicale. Le spezie non se ne vogliono andare, quasi aumentano dopo qualche momento. Rotondo e masticabile, puntine di mela e di pesca bianca. Caffè verso la fine.

Finale: caffè, spezie, frutta gialla, cereali.

Commento: ma che distilleria è? Fresca fresca nelle pagine del Vostro preferito, partiamo dalla base. Quindi un whisky ben fatto, ben costruito, botti attive il giusto. Bel palato e bel finale, forse il naso un po’ da rivedere ma comunque concreto.

Valutazione: 85

 

Strathmill 12 Flora&Fauna (OB, 2005, 43%)

Strathmill 12 Flora&Fauna (OB, 2005, 43%)Naso: qui siamo su territori più speziati e carnosi. Quindi bacon, zafferano, rosmarino, cannella, carne cotta. Un qualcosa di minerale. C’è ben poca frutta, sicuramente pesca ed albicocca. Niente male comunque.

Gusto: anche qui fresco, poi speziato. Pepe nero, meno incisivo rispetto al Mannochmore, paprika dopo qualche tempo. Frutta rossa e gialla, mela, fragola, pesca. Cacao zuccherato. Le spezie si amplificano col tempo. Cereali e biscotti al cacao verso il finale.

Finale: cacao, frutta rossa casalinga, spezie, cereali.

Commento: allora, questo whisky su Whiskybase è abbastanza snobbato, con un non ben rilevante punteggio di 78. A me non è dispiaciuto, soprattutto per un naso fuori dal comune e per un finale buono e lungo. Gli darei parecchi punti in più se non fosse per un palato un po’ anonimo.

Valutazione: 84

Benrinnes 15 Flora&Fauna (OB, 2006, 43%)

BenrinnesFF_bsNaso: alcol molto ben integrato, inizialmente frutta rossa, fragola e ciliegia, più frutta casalinga, mela. Qualche spezia, pepe bianco e cannella. La parte in sherry sembra essere preponderante. La frutta rossa si “complica” dopo qualche tempo e risulta più fresca e godibile, ma più sfaccettata. Vaniglia, cioccolato al latte.

Gusto: pane, biscotti ai cereali, malto caldo, spezie tra cui pepe nero e paprika. Frutta rossa, ciliegia e amarena, sotto spirito. Miele d’acacia.

Finale: caldo, frutta rossa, mela, malto, spezie, caffè.

Commento: parliamo di un buon malto, equilibrato tra le componenti, un winner nel bere d’oggigiorno. La parte in sherry domina, e questo è un bene.

Valutazione: 85